Se per definizione di analisi tecnica un trend ribassista è “una sequenza di minimi e massimi relativi decrescenti”, possiamo tranquillamente affermare che la borsa di Milano si configura al ribasso a partire dall’anno 2000. Dai massimi di tale periodo infatti, il principale indice non ha fatto altro che scendere, seppur con le dovute fasi correttive rialziste, come la Teoria delle Onde di Elliott ci insegna. Un bel trend solido e duraturo, considerato che persiste da 16 lunghi anni, come possiamo riscontrare nella figura di cui sopra.

Quale migliore esempio di trend di lungo periodo ?  Purtroppo questa è la realtà, ma per il futuro cosa dobbiamo aspettarci ? Continuerà questa lunga fase ? Oppure invertirà direzione ?    Dal grafico in evidenza e dall’analisi da me redatta sembrerebbe che il mercato si trovi in onda 5.   Per definizione della teoria di Elliott tale onda è l’ultima della serie di cinque.   Onda 5 però ha solitamente due possibilità: o fa nuovi minimi relativi prima di esaurirsi oppure torna a rivedere l’area dei minimi di onda 3. Questo è l’unico dubbio che può esserci allo stato attuale. Va detto che la perfetta lateralità evidenziata nel rettangolo in rosa possa suggerire una soluzione più propensa a non fare nuovi minimi.

Come si vede dal grafico rappresentato a candele mensili, dai minimi del 2009 i prezzi del Ftse-Mib sono entrati in una fase laterale disegnando un rettangolo praticamente perfetto ancora valido oggi.

Una prima grande svolta si avrà alla rottura “vera” del lato superiore del rettangolo, cosa allo stato attuale molto lontana a livello temporale in quanto siamo distanti oltre 8000 punti.

Più plausibile è il test dell’area del lato inferiore del canale che se sfondata al ribasso in maniera decisa potrebbe portare ad una nuova forte e devastante accelerazione ribassista.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>